Alla scoperta della meravigliosa Val d’Orcia

Oggi facciamo un viaggio nella mia meravigliosa Toscana, in particolar modo oggi parliamo dell’incredibile Val d’Orcia.

Si potrebbe tranquillamente dire che si tratta dell’ottava meraviglia del mondo!

La Val d’Orcia, terra di una bellezza cosi rara, dove storia, natura e tradizione si intrecciano: orgogliosi borghi medioevali, abbazie, castelli immersi in un paesaggio unico di dolci, sinuose colline in cui si alternano campi coltivati, vigneti, uliveti, bellissimi agriturismi, viali di cipressi e campi di grano color dell’oro.

Detto cosi sembra il paradiso, non è vero? 

La valle, che prende il nome dal fiume Orcia che la attraversa, si snoda a sud della Toscana, lungo le province di Siena e Grosseto. L’intera area è oggi un parco protetto, riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO nel 2004.

La spettacolare natura incontaminata è la vera protagonista della Val d’Orcia, affascinante in ogni stagione dell’anno.

Ci sono davvero pochi altri luoghi capaci di impressionare cosi tanto. E’ una terra dall’atmosfera quasi surreale e sospesa, caratterizzata dai suoi castelli medievali, deliziosi borghi, abbazie, dando i natali a moltissimi pittori rinascimentali.

La valle è molto rinomata persino per i suoi eccellenti vini, tra cui il Brunello di Montalcino, il Nobile di Montepulciano e il Rosso Orcia.

Uno tra i borghi più belli della Val d’Orcia è sicuramente Pienza, conosciuta come la “Città Ideale”, tra Montalcino e Montepulciano, a sud di Siena.

Piccolo gioiello incastonato nelle dolci colline della Val d’Orcia, i suoi fiori all’occhiello sono la sua splendida piazza, i suoi palazzi intrisi di storia, le viuzze e gli scorci carichi di romanticismo e toscanità.

Continuando per le terrazze panoramiche, i vicoli, lo squisito pecorino e tanto altro da scoprire…

Cosa vedere a Pienza?

La Piazza Pio II, il Duomo, Palazzo Piccolomini, la Pieve di Corsignano, Palazzo Borgia, Palazzo Comunale di Pienza, Palazzo Gonzala Simonelli, Castello di Cosona, Castello di Spedaletto e Palazzo Massaini.

Altro delizioso borgo: Castiglion d’Orcia, immerso in paesaggi di autentica bellezza.

Il paesaggio che rappresenta in toto tutta la Val d’Orcia, caratterizzato dalle tipiche conformazioni geologiche dette crete, biancane e calanchi, dovuto a lente trasformazioni iniziate milioni di anni fa.

Le crete sono caratterizzate da terreni argillosi, dove i declivi mostrano forme flessuose e i poggi arrotondate. Dove la pendenza è maggiore o lungo i versanti più esposti alle piogge si formano invece le cosiddette biancane, vere e proprie cupolette semisferiche (o coniche) prive di vegetazione.

Cosa vedere a Castiglion d’Orcia?

Chiesa di Santa Maria Maddalena, un edificio romanico in pietra; la chiesa dei Santi Stefano e Degna, il più importante edificio religioso del paese, piazza Il Vecchietta, Rocca di Tentennano, Bagni San Filippo.

Piazza Vecchietta
Piazza Vecchietta

Come non menzionare Montalcino!

A sud di Siena, a ovest di Pienza, si trova quest’incantevole borgo medievale, circondato da cinte murarie e dominato da un antico castello. Montalcino è famoso sopratutto per il suo rinomatissimo Brunello di Montalcino, uno dei vini più apprezzati d’Italia e nel mondo.

Il borgo era già rinomato per i suoi vini rossi nel XV secolo. Tuttavia, la preziosa formula del fantastico vin Brunello fu inventata nel 1888 da Ferruccio Biondi Santi, che per primo ebbe l’idea di eliminare i vitigni della tradizionale ricetta del Chianti, come il Canaiolo e il Colorino, usando invece solo la varietà Sangiovese.

Prima che il Brunello sia pronto da bere, deve essere fatto invecchiare per un minimo di 5 anni, 2 dei quali in botti di quercia, mentre il Rosso di Montalcino è pronto dopo un solo anno di invecchiamento. Tra i più rinomati produttori di vino menzioniamo Biondi-Santi, Schidione e Banfi.

Ma Montalcino non è solo vino, è anche arte e cultura.

Cosa vedere? 

Il centro storico è dominato dalla possente Rocca, fortezza costruita nel 1361 come segnare il passaggio della città sotto il dominio di Siena. Qui si tiene Jazz Festival & Wine. La caratteristica torre stretta e lunga del Palazzo dei Priori, che si affaccia sulla celebre Piazza del Popolo.

Palazzo Vescovile e le chiese di Sant’ Agostino, Sant’ Egidio e San Francesco. Il Duomo, il Museo Civico e Diocesano di Arte sacra e l’Abbazia di Sant’Antimo.

Vigneti Brunello di Montalcino
Palazzo Comunale
Fortezza di Montalcino

Infine la meravigliosa Montepulciano.

Incantevole borgo immerso nella Val d’Orcia, cittadina di bellezza medievale rara, unica nel suo genere.

Cosa la caratterizza? Eleganti palazzi rinascimentali, antiche chiese, splendide piazze, piccoli angoli nascosti e incontaminati vigneti dai quali nasce il buonissimo e rinomato Nobile di Montepulciano.

La posizione strategica di Montepulciano la rende il luogo ideale per partire alla scoperta di questo bellissimo angolo della Toscana. L’armoniosa Pienza, il borgo termale di Bagno Vignoni, la famosa Montalcino e tanti altri borghi incantevoli sono tutti facilmente raggiungibili in breve tempo.

Cosa vedere a Montepulciano? 

Piazza Grande, Palazzo del Capitano del Popolo, il Duomo, Chiesa di San Biagio e Sant’Agnese,

Piazza Grande

Chiesa di San Biagio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.