Orologio astronomico di Praga

Orologio astronomico di Praga: l’orologio medievale più grande del mondo

L’orologio astronomico di Praga è una delle attrazioni più amate ed ammirate della città e un angolo tra i più rappresentativi dell’intera Repubblica Ceca.

Conosciuto con il nome ceco di Staromestsky Orloj, è un monumento scientifico che risale al periodo medioevale.

La sua storia

L’orologio astronomico di Praga è stato progettato nel 1400 ed è tuttora funzionante, grazie anche ai numerosi e costanti interventi di riparazione effettuati nel tempo.

La componente più antica è il meccanismo del quadrante astronomico, realizzato dal maestro orologiaio Nikolas zu Kadan e dal professore universitario di matematica e astronomia Jan Sindel nel 1410.

Nel 1805 sulla torre su cui è inserito l’orologio astronomico fu costruito anche un ballatoio per offrire una vista a 360° sull’intera Piazza della Città Vecchia.

Nel 1870 al quadrante inferiore è stato aggiunto il dipinto del calendario composto dai dodici medaglioni.

Durante la Seconda Guerra Mondiale nel 1945, un incendio colpì l’intero edificio e l’orologio e le figure originali furono gravemente danneggiate. Tre anni dopo Vojtech Sucharda realizzò le nuove figure e finalmente l’orologio riprese a funzionare senza alcun problema.

Nel corso dei Secoli l’orologio astronomico di Praga è divenuto sempre più celebre nel mondo grazie anche alle numerose leggende che vi gravitano attorno, che ne hanno accresciuto fama e mistero.

.. e la sua leggenda

Nonostante la sua storia sia nota e definita, esiste una leggenda che sostiene che il suo inventore Mastro Hanus fu accecato dalle autorità di Praga che ne avevano commissionato il lavoro affinché non potesse riprodurre capolavori simili in giro per la città.

Per ripicca, Mastro Hanus poco prima di morire si sarebbe introdotto all’interno dell’orologio con l’obiettivo di sabotarne gli ingranaggi, danneggiandolo per oltre un secolo, fino all’intervento di Ludvik Hainz.

La statua del Mastro Hanus accecato è esposta al museo delle cere di Madame Tussauds di Praga.

Il meccanismo dell’orologio astronomico di Praga è complesso 

Ogni elemento che lo caratterizza è intriso di simbologie e mistero.

Sono tre gli elementi fondamentali che lo compongono: il Corteo degli Apostoli, con le figure dei 12 Apostoli che si mettono in moto ogni ora dalle 9 alle 23 comparendo dietro a due finestrelle; il quadrante astronomico rotondo su cui è impressa l’ora e in cui sono rappresentate le informazioni astronomiche e le posizioni del Sole e della Luna; un quadrante inferiore, anch’esso rotondo, una sorta di calendario composto da 12 medaglioni che rappresentano i mesi dell’anno.

Gli apostoli fanno capolino dietro alle 2 finestrelle superiori dell’orologio, poste sotto al tettuccio; al centro spicca il quadrante astronomico; in basso, il quadrante con i 12 medaglioni.

I 12 Apostoli compaiono ogni ora, dalle 9 alle 23, dalle due finestre in alto, si muovono come in una processione e le figure simboliche che si trovano vicine ai quadranti cominciano ad animarsi: sono la Vanità, raffigurata da un uomo con lo specchio, il turco invasore, la morte con la clessidra e l‘avarizia con un borsello di monete in mano.

Quando gli apostoli finiscono il loro giro, il gallo d’oro canta e batte le ali e le campane suonano.

Il quadrante astronomico spiega la visione medievale dell’astronomia

A catturare lo sguardo fin dalla prima occhiata è certamente il grande quadrante astronomico con la forma di un astrolabio, che in epoca medioevale serviva per identificare la posizione delle stelle.

Sul quadrante astronomico la Terra è al centro dell’universo, attorno alla quale ruotano 4 meccanismi:

  • un anello zodiacale con i 12 simboli dello zodiaco
  • un anello esterno rotante
  • la lancetta del Sole
  • la lancetta della Luna

L’orologio astronomico di Praga segna quattro orari diversi:

  • quello dell’Europa centrale
  • quello babilonese
  • quello siderale
  • quello locale

Ai lati dell’orologio noterete quattro figure, che rappresentano i vizi capitali:

  • lo scheletro che ci ricorda la morte
  • il turco ad indicare la lussuria e il piacere
  • un uomo vanitoso con uno specchio in mano a simboleggiare la vanità
  • un viandante con un sacco di denaro in mano, che rappresenta l’avarizia

Queste si animeranno contemporaneamente alla processione degli apostoli.

La parte blu rappresenta il cielo sopra l’orizzonte, la parte grigia il cielo sotto.

Sono incise le scritte in latino ORTVS (est) e OCCASVS (ovest), poi Aurora (giù) e CPEPVSCVLVM (Crepuscolo) sotto.

I tre dischi sovrapposti indicano l’ora ceca (con numeri italiani), l’ora dell’Europa Centrale (con numeri romani) e l’ora di Babilonia, con numeri arabi.

Il quadrante inferiore (il calendario)

In basso, un altro quadrante, noto come il calendario, si fa notare con i suoi 12 medaglioni che rappresentano delle scene di vita rurale corrispondenti ai mesi dell’anno.

Si tratta di una copia del quardo del pittore boemo Josef Manes.

Ai lati del calendario è possibile riconoscere figure ricche di significato:

  • un saggio con in mano un libro che rappresenta la filosofia
  • un angelo con spada e scudo che identifica la teologia
  • un secondo saggio con un cannocchiale a rappresentare l’astronomia
  • un ultimo saggio che, secondo le diverse interpretazioni, simboleggia la matematica o la storia.

Orari e costi

Orari di apertura:

Gennaio – Dicembre
Lunedì 11.00 – 18.00
Martedì – Domenica 09.00 – 18.00

La torre è aperta ogni giorno fino alle ore 22.00.

Costo del Biglietto:

Giro grande (cappella, sale storiche, sotterranei)
Prezzo intero 100 CZK (3,70 euro)
Prezzo ridotto 70 CZK
Famiglia 210 CZK

La torre
Prezzo intero 130 CZK
Prezzo ridotto 80 CZK
Famiglia 280 CZK

Biglietto combinato per il giro grande e la torre
Prezzo intero 180 CZK

Dove si trova

L’orologio astronomico di Praga è è montato sul lato sud del municipio della Città Vecchia nella Piazza della Città Vecchia ed è una delle più importanti attrazioni turistiche della città.

Consulta la mappa!

Come si raggiunge l’orologio astronomico di Praga

Raggiungibile a piedi partendo dalla lunga e affollata Namestì Republiky o dal celebre Ponte Carlo oppure tramite la Metropolitana A scendendo alla fermata Staromestskà o la Metropolitana B, scendendo alla fermata Mustek.
Con il tram usate le linee 17 e 18.

Curiosità

L’orologio astronomico di Praga è sicuramente un simbolo della città e per gli abitanti stessi.

La curiosità è che gli abitanti di Praga sono così legati al loro orologio da temere ogni qualvolta esso viene sottoposto ad interventi di restauro: un eventuale malfunzionamento dell’orologio potrebbe infatti causare disgrazie e sfortune per l’intera città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.